Benvenuti

Sei il visitatore n°

contatori

Associazione fondata e presieduta da Ada Orsatti 

         

 GRUPPO 

Informa

Ada Orsatti

Presidente Nazionale AILA ONLUS ADA ORSATTI




Come contattarmi:

    


DONAZIONI

Per donazioni ad AILA - Associazione Italiana Lotta Abusi 

Per donazioni ad AILA – Associazione Italiana Lotta Abusi 


Bonifico bancario intestato a : A.i.l.a. Associazione Italiana Lotta Abusi Onlus
Iban


IT98P0843051061000000912942

Consiglio Direttivo

Ada Orsatti       Presidente

Serena Lanzoni           Vice Presidente

Filippo Capestrano       Consigliere     

Romina Magrin         Consigliere

Maria Calogera Schillaci   Consigliere

Antonella Scoca            Consigliere

Sergio Lanzoni            Consigliere

La disabilità… dimenticata


Articolo di Alessio Belleri
L’emergenza nell’emergenza: tanti gli appelli di aiuto delle persone con disabilità cognitive e sensoriali e delle loro famiglie, abbandonate a sé stesse. Parla la presidente di AILA.

“Siamo soli, abbandonati a noi stessi” o ancora “Niente dispositivi di protezione individuale e niente assistenza”, “Più di due mesi lasciati al nostro destino. E cosa succederà adesso con la cosiddetta ‘Fase 2′?”: giusto il tempo, alla fine, di aprire la casella di posta elettronica che questi e altri messaggi cominciano ad arrivare uno dopo l’altro. Sono tanti, tantissimi e così è praticamente ogni giorno. Un vero e proprio grido di allarme e di aiuto, perché, ancora una volta, alle parole non hanno fatto seguito, purtroppo, i fatti. La disabilità… dimenticata, in uno dei momenti più bui e difficili che il nostro Paese sta vivendo (l’emergenza Coronavirus). “Sempre la solita storia – commenta Ada Orsatti, presidente di AILA (Associazione Italia Lotta Abusi) – Si continua a raccontare di abbattere le barriere architettoniche, ma poi rimangono salde quelle mentali. Sapete cosa significa per un bambino, un ragazzo, un adulto ed anche un anziano con disabilità cognitive e sensoriali dover affrontare un momento come quello con il quale conviviamo ormai da settimane? Già è complesso nella normalità, figuriamoci adesso, ancor di più se non può avere il necessario sostegno di cui avrebbe bisogno”. Scuole chiuse, i centri diurni integrati anche, l’assistenza domiciliare che, nella maggior parte dei casi, si è dovuta interrompere e tutto che, inevitabilmente, è ricaduto sulle famiglie che si sono dovute, come si dice, “rimboccare le maniche’, supplendo ad ogni mancanza. “Loro sì che hanno fatto un lavoro straordinario – ribadisce Orsatti – Queste persone, per le varie problematiche che hanno, non possono permettersi di stare fermi con l’attività che quotidianamente svolgono (sia a livello mentale sia fisico). Ogni giorno per ciascuno è un traguardo, un tassello che si aggiunge ad un percorso mirato e preciso di crescita e, allora, bloccare tutto vuol dire perdere molto. Eppure questo, purtroppo, è e sta succedendo. E’ mancato il sostegno che, invece, avrebbe dovuto essere garantito e prioritario”. Ci hanno pensato, appunto, i nuclei familiari a non far sentire queste mancanze, però adesso sono arrivati al limite, allo stremo. “Non ce la fanno più – conclude la presidente di AILA – E le istituzioni (statali e regionali) dove sono? Tante bei proclami, certo, nella concretezza però… Vi farei vedere le mail con richieste di aiuto che ci arrivano, migliaia da quando è cominciata la pandemia: mamme e papà, fratelli o sorelle che sono in grande difficoltà e che si sentono persi, abbandonati a loro stessi, con la rabbia e la delusione per ciò che è stato e con la preoccupazione di cosa potrà essere del proprio caro in ottica della cosiddetta ‘Fase 2’. Non si chiede chissà che. Si vogliono quei diritti che dovrebbero essere garantiti e che, ancora una volta, purtroppo, sono stati messi da parte; le categorie fragili e deboli, insomma, di nuovo lasciate all’abbandono. In tale senso, allora, le proposte che stiamo cercando di portare avanti sono semplici, ma a nostro avviso importanti per provare a ripartire e farlo tenendo in considerazione davvero l’intera popolazione: test sierologici regolari agli operatori dell’assistenza domiciliare, nei centri diurni integrati ed ai familiari stretti degli assistiti, quindi fornitura di mascherine, guanti e dei vari strumenti di protezione individuale, fino, appunto, al sostegno a casa. Con molti genitori o parenti che riprenderanno a lavorare, chi ha disabilità cognitive e sensoriali si ritroverebbe, infatti, da solo e ciò avrebbe conseguenze significative. Non possiamo permetterci che ciascuno perda i risultati raggiunti nel tempo. Ne va del loro presente e del loro futuro”.
https://www.logosnews.it/node/55065

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.