Benvenuti

Sei il visitatore n°

contatori

Associazione fondata e presieduta da Ada Orsatti 

SEGUICI

         

 GRUPPO 

Ada Orsatti

Presidente Nazionale AILA ONLUS ADA ORSATTI




Come contattarmi:

    

ailaorsatti@virgilio.it


Consiglio Direttivo

Ada Orsatti       Presidente

Serena Lanzoni           Vice Presidente

Filippo Capestrano       Consigliere     

Romina Magrin         Consigliere

Maria Calogera Schillaci   Consigliere

Antonella Scoca            Consigliere

Sergio Lanzoni            Consigliere


DONAZIONI

Per donazioni ad AILA - Associazione Italiana Lotta Abusi 

Per donazioni ad AILA – Associazione Italiana Lotta Abusi 


Bonifico bancario intestato a : A.i.l.a. Associazione Italiana Lotta Abusi Onlus
Iban


IT98P0843051061000000912942

News

Ada Orsatti : dopo un anno di Fotografa L’impostore

Caro Massimo VettorFotografa L'impostoreetti, sembra ieri che ho risposto ad un tuo post, stanco di non trovare un posteggio libero occupato da questi “furbetti” di turno”, lasciandoti un commento “si può far o provare a far un qualcosa?” Ed eccoci qui primo compleanno, poi l’aggregarsi di tutti. Direi che è stato un anno denso di attività, carichi di emozioni, dialogo, condivisione e amicizia, chi ci segue lo sa bene e sarà senz’altro d’accordo con me, nel dire che possiamo fare nostre queste parole:
ormai siamo ad un anno e ci sentiamo come se avessimo appena cominciato“. Anche per me il tempo è volato e pur dopo migliaia di post conservo lo stesso entusiasmo del primo giorno, grazie alla vostra presenza e al vostro sostegno.

Un gruppo, infatti, ha senso solo come luogo di comunicazione/segnalazione che voi avete sempre reso interessante e vivo il nostro scambio di opinioni e la condivisione della passione per la vittoria fa si ad una “grande battaglia”, ma soprattutto il sensibilizzare in questo modo, poco alla volta  e senza neanche accorgercene  siamo arrivati ad un numero considerevole di post foto e alla cifra strabiliante di moltissime visite, con partecipazione di tutti a livello Nazionale, ma se penso, invece che ogni visita rappresenta una persona che è venuta a trovarci e si è interessata del nostro “lavoro”, beh, allora non posso che essere  grata a tutti voi contemporaneamente sono spronata a fare sempre più e sempre meglio, a guardare avanti, sperando in un futuro migliore per “vivere tutti al meglio nel sociale”e continuare a credere che i “bimbi” un domani non trovino più queste gravi difficoltà!

A tutti voi un grazie dal cuore ed un invito a f
esteggiare insieme. Un particolare ringraziamento a mia figlia Serena che ha realizzato la grafica che potete visionare sia nello stesso gruppo fotografa impostore” che sui giornali e nei vari servizi in tv, e che arricchisce anche questo post.

Infine, colgo l’occasione e ringrazio tutti gli amministratori del gruppo Bianca Nava, Simona Zanella, Massimiliano BelliniChiara Lando, Giuseppe Righetti, Carlo Giacobini, Silvia Distefano che ogni giorno lavorano e curano lo stesso donando il loro tempo.

Grazie anche a tutte le persone che si son iscritte ed inviano le foto aderendo all’iniziativa. Tutti insieme si può, noi ci crediamo!!

Un abbraccio di cuore a tutti

Ada Orsatti

 

 

 

 

Comunicato stampa AILA: Aggiornamento sul cavallino Ishi

prova logo 223

 

Con la ripresa della stagione 2015/2016 di “Pomeriggio Cinque” e “Domenica Live”, il Presidente Nazionale AILA Ada Orsatti e la segretaria particolare della Signora Barbara D’Urso, Dottoressa Gloria, hanno stabilito un piano d’azione per riportare all’attenzione del pubblico l’annosa questione del “Cavallino Ishi”. Questo argomento era già stato trattato dalla Signora D’Urso ed è seguito direttamente dalla Presidenza Nazionale AILA (vista anche la delicatezza della questione in essere).

A breve vi saranno aggiornamenti in merito

AILA E ISHI

 

 

Legge 37/74 aggiornata successivamente dalla Legge 60/06 sui diritti e doveri dei disabili sensoriali.

Discriminare un non vedente per il fatto che sia accompagnato da un cane guida è punibile dalla legge. La materia è stata trattata per la prima volta in Italia con l’emanazione della Legge n. 37 del 1974, modificata nel 2006 dalla Legge n. 60.

Non solo la normativa italiana prevede che i gestori dei mezzi di trasporto e i titolari di esercizi che «impediscano od ostacolino, direttamente o indirettamente, l’accesso ai privi di vista accompagnati dal proprio cane guida” siano soggetti a multe dai 500 ai 2.500 euro, ma sancisce anche che un cane guida:
– può entrare in qualunque esercizio aperto al pubblico (Legge 37/74);
– è escluso dai divieti relativi al non permettere l’accesso degli animali in spiaggia, parimenti ai cani destinati al «salvamento»: in poche parole, può accedere anche in spiaggia (Legge 37/74);
– è in genere esonerato dall’obbligo di portare la museruola, a meno che non sia richiesto in una data situazione (Legge 37/74);
– è esonerato dall’obbligo di avere al seguito paletta e sacchetto per la raccolta delle deiezioni (come rintracciabile anche in molti Regolamenti Comunali);
– è esonerato dal pagamento del biglietto per i mezzi pubblici (Legge 37/74);
– può accompagnare il non vedente anche su traghetti e aerei, in Italia e all’estero (Regolamento Europeo (CE) 1107/2006 e Legge 37/74);
– può viaggiare alloggiato sul sedile posteriore insieme al non vedente assoluto da esso accompagnato, in quanto «animale domestico di indole particolarmente tranquilla e come tale adeguata alle incombenze cui esso è appositamente addestrato», senza che ciò costituisca in alcun modo violazione dell’articolo 169, comma 6 del Codice (Lettera del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 653/04).

AILA : Associazione Italiana Lotta Abusi di Ada Orsatti, ogni giorno raccoglie migliaia di segnalazioni su abusi e discriminazioni di ogni genere invia la tua segnalazione a ailaorsatti@virgilio.it

 

 

Lombardia: Reddito di Autonomia per #Anziani e #Disabili voucher di € 400/mese per 12 mesi. Scopri di più

Regione Lombardia ha avviato la sperimentazione “Reddito di autonomia” approvando, nella seduta dell’8 ottobre 2015, un pacchetto di misure rivolte ai cittadini lombardi in condizione di difficoltà.
 

Sono state individuate cinque azioni a favore di famiglie con redditi bassi, di persone fragili come anziani e disabili e di disoccupati che non hanno alcuna entrata perché hanno finito la cassaintegrazione o la mobilità.
 

Sono stati stanziati 50 milioni di euro per gli ultimi tre mesi del 2015 e 200 milioni per il 2016. Queste risorse potranno essere ulteriormente incrementate se nella legge di stabilità, che il Governo nazionale presenterà entro pochi giorni, saranno previste maggiori risorse per la Regione Lombardia. 

Gli interventi previsti sono:

Per le famiglie

  • Abolizione del “superticket” ambulatoriale

per le famiglie con reddito familiare complessivo inferiore a 18.000 euro

 

Decorrenza: dal 15 ottobre 2015.

Modalità di accesso: autocertificazione del reddito imponibile presso l’ASL di competenza territoriale.

Per maggiori informazioni visita la pagina del sito della Direzione Generale Salute.

 

  • Bonus bebè

contributo economico una tantum di 800 euro per i secondi nati e di 1000 euro dal terzo figlio in avanti, quale sostegno socio-economico al percorso di  crescita del bambino

Decorrenza: per i nati dall’8 ottobre 2015.

Modalità di accesso: l’Ospedale comunica a Regione Lombardia l’avvenuta nascita. Regione Lombardia invia una comunicazione all’interessato in cui saranno fornite le indicazioni per presentare la richiesta.

Requisiti: reddito ISEE inferiore a 30.000 euro, residenza in Lombardia da almeno 5 anni.

 

  • Bonus Affitti

contributo una tantum di 800 euro per le famiglie in condizione di fragilità socioeconomica, residenti nei Comuni ad elevata tensione abitativa (155 comuni) 

 

Decorrenza: dal primo novembre 2015.

Modalità di accesso: partecipazione a bandi regionali aperti dal 2 novembre al 15 dicembre 2015. 

Requisiti: reddito ISEE/FSA compreso tra 7.001 e 9.000 euro, residenza in Lombardia da almeno 5 anni.

 Per gli anziani e i disabili

  • Assegno di autonomia per anziani e disabili

voucher  di 400 euro al mese, per dodici mesi, per l’acquisizione o il mantenimento di autonomia personale nel proprio contesto di vita, a favore di persone anziane e di persone disabili in condizione di non autosufficienza e a forte rischio di esclusione sociale

Decorrenza: presentazione delle domande dal 1° dicembre 2015.

Modalità di accesso: saranno specificate nei due avvisi pubblici che Regione Lombardia emanerà entro fine ottobre.

Requisiti: reddito ISEE di riferimento inferiore a 10.000 euro, residenza in Lombardia da almeno 5 anni.
 
 

Per i disoccupati

  • Progetto di Inserimento Lavorativo

contributo di 300 euro al mese, per un massimo di 6 mesi, destinato all’inserimento o re-inserimento lavorativo, attraverso attività di orientamento, formazione, ricerca attiva del lavoro.
Decorrenza: dal 15 ottobre 2015.Modalità di accesso: a sportello attraverso il sistema Dote Unica Lavoro.

Requisiti: disoccupati da oltre 3 anni, che non fruiscono di alcuna integrazione al reddito e si trovano in una condizione di difficoltà economica, reddito ISEE inferiore a 18.000 euro, residenza in Lombardia da almeno 5 anni.

 

Via via che verranno definite le modalità operative e i criteri per beneficiare delle varie iniziative,  i cittadini saranno informati attraverso il sito di Regione Lombardia, i social media istituzionali Facebook e Twitter (@LombardiaOnLine) e gli organi di stampa.

E’ possibile ricevere informazioni chiamando il call center regionale 800 318.318 (dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 21.00 e il sabato dalle 8.00 alle 20.00).
 

Bonus genitori 2016 da 5000 euro: come funziona

156614206-430x286In arrivo il Bonus genitori 2016, un incentivo di 5000 euro per le aziende che assumono genitori precari o disoccupati. Vediamo di seguito come funziona e a chi spetta.

 

Il Bonus genitori 2016 è un incentivo di 5000 euro erogato dall’Inps e destinato ai datori di lavoro che a partire dal 14 settembre 2015 hanno assunto o assumeranno genitori precari con un contratto a tempo indeterminato.
L’agevolazione, più nello specifico, interessa chi assume giovani genitori con età inferiore o uguale a 35 anni che hanno figli minorenni.
Vediamo meglio come funziona e come poter ottenere tale bonus.

Bonus genitori 2016 da 5000 euro: requisiti
Come detto più sopra il bonus genitori 2016 erogato dall’Inps è un incentivo rivolto ai datori di lavoro che assumono giovani genitori precari a tempo indeterminato. Le assunzioni possono avvenire sia full time che part time.
Il bonus viene erogato dall’Inps solo qualora i soggetti assunti rispettino i seguenti requisiti:

- età uguale o inferiore ai 35 anni
- lavoratori precari o disoccupati
- presenza nel nucleo familiare di figli minorenni
- devono essere iscritti alla banca dati per l’occupazione dei giovani genitori.

I genitori, dunque, per poter essere assunti a tempo indeterminato usufruendo del bonus genitori 2016 dovranno richiedere l’iscrizione alla banca dati per l’occupazione.

Banca dati Giovani Genitori: chi può iscriversi e come presentare domanda
Possono iscriversi alla Banca dati Giovani Genitori, al fine di usufruire del bonus genitori 2016 di 5000 euro erogato dall’Inps, i genitori di età inferiore ai 35 anni aventi figli minori nel nucleo familiare. Altro requisito per poter ottenere l’iscrizione è avere uno dei seguenti contratti di lavoro:

- contratto a tempo determinato
- contratto di somministrazione
- contratto intermittente
- contratto di collaborazione coordinata e continuativa (cocopro)
- disoccupati iscritti al Centro per l’Impiego il cui stato di disoccupazione è avvenuto a seguito della cessazione di un rapporto di lavoro precario
- contratto di lavoro occasionale accessorio.

Come presentare la domanda di iscrizione? I genitori potranno presentare la relativa domanda compilando l’apposito modulo per via telematica usufruendo del servizio online disponibile sul sito dell’Inps.

Bonus genitori 2016: a quali aziende spetta l’incentivo da 5000 euro?
Anche le aziende che vogliono usufruire del bonus genitori 2016 da 5000 euro erogato dall’Inps devono essere in possesso di determinati requisiti.
Le aziende, infatti, devono:
- essere in regola con il DURC
- non devono aver effettuato domanda per l’incentivo licenziamenti per la riduzione del personale nei 6 mesi precedenti
- non devono aver effettuato riduzioni dell’orario di lavoro o sospensioni dell’attività lavorativa per crisi aziendale, ristrutturazione o riconversione
- non devono aver licenziato lo stesso lavoratore che vogliono assumere nei 6 mesi precedenti.
Il bonus genitori 2016 può essere chiesto per un massimo di 5 lavoratori iscritti nella banca dati.

Bonus genitori 2016: come ottenerlo?
Il bonus genitori 2016 non consiste nell’erogazione di denaro da parte dell’Inps, ma in uno sgravio contributivo: l’azienda può compensare i contributi dovuti mensilmente con l’incentivo spettante e indicherà poi il conguaglio effettuato nella dichiarazione UniEmens.

Articolo di Stefania Manservigi

Regione Lombardia lancia la Dote Sport

Regione Lombimg_DOTE_SPORT_2015ardia lancia la “Dote Sport” e in via sperimentale mette a disposizione per quest’anno 1,6 milioni di euro, destinati ad aiutare le famiglie a sostenere il costo per le attività sportive dei propri figli.

 L’iniziativa è rivolta a minori appartenenti alle famiglie residenti in Lombardia, che vengano iscritti e frequentino un corso o un’attività sportiva nel periodo settembre 2015 – giugno 2016.

In considerazione delle risorse a disposizione, per questa sperimentazione sarà possibile finanziare le famiglie richiedenti, in possesso dei requisiti previsti, sino a esaurimento delle risorse disponibili, sulla base della graduatoria che verrà predisposta tenendo conto dei criteri previsti dal bando.

Sono previste due linee di finanziamento:

 • la “Dote Junior”, riservata ai bambini dai 6 ai 13 anni, con un budget complessivo di 1 milione di euro;

• la “Dote Teen”, riservata ai ragazzi fra i 14 e i 17 anni, con un budget iniziale di 658.740 euro (che potrà essere ulteriormente incrementato).

 

Per entrambe le linee, il 10% delle risorse finanziarie è riservato ai minori con disabilità.

Trattandosi di un’iniziativa fortemente orientata alla persona, per la sua attuazione Regione Lombardia ha ritenuto fondamentale coinvolgere direttamente gli enti che sul territorio sono vicini al cittadino e alle sue esigenze.

Le famiglie infatti potranno presentare domanda di “Dote Sport” a Regione Lombardia solo se il Comune di residenza avrà aderito all’iniziativa.

A tal fine, quindi, i Comuni, in forma singola o associata, possono fino al 1° ottobre 2015, presentare la loro adesione seguendo quanto indicato nel successivo paragrafo.

Per chiarimenti sulla “Dote Sport” è possibile scrivere alla casella:dotesport@regione.lombardia.it

 Per eventuali ulteriori precisazioni è possibile rivolgersi telefonicamente all’ufficio competente della Giunta Regionale – U.O. Sport, con la seguente articolazione:

  •  dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.15 alle 16.30. Il venerdì dalle 9.30 alle 12.30:

 Tel. 02 6765 + int. 2048 – 6702 – 2089 – 4435 – 6535 – 4757 – 3004.
 

E’ altresì possibile rivolgersi presso le Sedi Territoriali (STER)