Benvenuti

Sei il visitatore n°

contatori

Associazione fondata e presieduta da Ada Orsatti 

SEGUICI SU FACEBOOK

  

Ada Orsatti

Presidente Nazionale








Come contattarmi:

    

ailaorsatti@virgilio.it

Pagina e gruppi Facebook

Aila - Associazione Italiana Lotta Abusi by Ada Orsatti

Associazione Italiana Lotta Abusi A.I.L.A. by Ada Orsatti

#VIVERENELSOCIALE

#AILA


DONAZIONI

Per donazioni ad AILA - Associazione Italiana Lotta Abusi 

Bonifico bancario intestato a : Associazione Italiana Lotta Abusi

Iban

IT29H0311150630000000002962

Sportello AILA

Obiettivi: accogliere e rispondere a richieste di informazioni, segnalazioni, domande d'aiuto da parte di ‪#‎disabili‬,anziani e persone con fragilità sociale in merito ‪#‎ingiustizie‬ e ‪#‎abusi‬. Anche ai danni degli ‪#‎animali‬. 

Vi aspettiamo tutti i Giovedì dalle 16,30 alle 18,30 presso il centro sociale ricreativo “Lena Lazzari” in via Marconi 16 ‪#‎Malnate‬

News

Risposta in merito alle segnalazioni di post e commenti al servizio legale AILA.

Attenzione alle offese su Facebook e/o altri social network la Cassazione si è espressa: diffamazione aggravata
La sentenza n. 50 del 2 gennaio 2017 della Corte Suprema di Cassazione parla chiaro: offendere attraverso i social network può essere considerata a tutti gli effetti diffamazione aggravata, con una pena che va da 6 mesi a 3 anni di reclusione o una multa dai 516 Euro in su

purtroppo c’è sempre chi per invidia, gelosia o peggio per speculare e/o manie di protagonismo a sproposito e senza titolo utilizza AILA per fini a dir poco spregevoli o peggio dichiara falsamente sull’operato dell’AILA. DIFFIDO chiunque ad addebitare fatti FALSI e/o intervenire in nome e per conto dell’AILA se privo di titoli ricordando che tali comportamenti VERGOGNOSI non verranno tollerati oltre riservandosi di rivolgersi all’autorità giudiziaria per la tutela del buon nome, dell’immagine, degli obbiettivi dell’associazione e dei membri tutti!

ACCESSO REFERENDUM SULL’AUTONOMIA REGIONALE DELLA LOMBARDIA PER CITTADINI NON VEDENTI.

Su proposta dell’associazione AILA, in particolare della presidente Ada Orsatti, con una mozione approvata ALL’UNANIMITÀ da tutti gli schieramenti presenti in consiglio Regionale, durante il referendum consultivo del 22 ottobre per l’autonomia, le persone con disabilità visiva, potranno avvalersi dei loro dispositivi informatici. La mozione illustrata dal consigliere Massimiliano Romeo, evidenzia come i dispositivi in dotazione a persone non vedenti o ipovedenti siano in grado di interagire in totale autonomia con la strumentazione elettronica prevista per esprimere il voto. Con un’opportuna informativa, le persone con disabilità visiva che vorranno avvalersi di questa metodologia di voto potranno utilizzare i propri auricolari in modo tale che non sia richiesto nessun esborso alla Regione per l’acquisto di auricolari usa e getta; le funzioni di accessibilità, unitamente all’uso di auricolari, potranno aumentare e non indebolire la segretezza del voto, rendendo il voto del non vedente e/o dell’ipovedente paradossalmente più segreto di quanto non lo sia oggi col voto assistito che, sebbene discreto, comporta comunque la presenza/assistenza di un’altra persona a cui dover necessariamente rivelare le proprie intenzioni di voto; l associazione AILA ringrazia il Consiglio Regionale, che su un tema così importante ha saputo superare le diverse appartenenze politiche in nome della partecipazione democratica al voto di una parte consistente di cittadini lombardi.

 

Di seguito la mozione:

MOZ-870-accessibilità referendum

La Provincia di Como : Mariano Comense – Negozi vietati alle carrozzine se ne salva solo uno su cinque

Negozi vietati alle carrozzine Se ne salva solo uno su cinqueMariano. Troppi gradini: delle 70 attività in centro città…

Pubblicato da AILA – Associazione Italiana Lotta Abusi by Ada Orsatti su Venerdì 18 agosto 2017

Petizione “ERO STRANIERO – L’UMANITÀ CHE FA BENE”

La campagna “Ero Straniero – L’umanità che fa bene” è stata lanciata ufficialmente il 12 aprile in una conferenza stampa al Senato da Emma Bonino e dalle altre organizzazioni che, insieme a Radicali Italiani, sono promotrici della legge di iniziativa popolare per superare la legge Bossi – Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.

La legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari” è promossa da Radicali Italiani insieme a Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, con il sostegno di numerose organizzazioni impegnate sul fronte dell’immigrazione, tra cui Caritas Italiana, Fondazione Migrantes Comunità di Sant’Egidio e tante associazioni locali.

LEGGI  Proposta di legge di iniziativa popolare

A maggio è partita in tutta Italia la raccolta firme, anche con il supporto di un’ampia rete di sindaci – al momento sono già 60 – che hanno aderito alla campagna. Sono cinquantamila le firme di cittadini italiani da raccogliere in sei mesi per sottoporre la legge all’attenzione del Parlamento.

 

Guarda la MAPPA DEI TAVOLI dove puoi firmare

 

Il 9 Giugno Apertura sportello AILA a Galliera Veneta

L’associazione AILA, ASSOCIAZIONE ITALIANA LOTTA ABUSI, con presidente Ada Orsattivice-presidente e coordinatrice Serena Lanzoni, referente territoriale Francesco Filippin si occupa di sensibilizzare le istituzioni, i cittadini, le nuove generazioni sulle tematiche legate alle persone con disabilità, agli anziani, alle famiglie delle persone “fragili” nel senso più esteso del termine alle prese con la burocrazia e gli enti pubblici, offrendo soluzioni concrete alle problematiche degli stessi; di creare un nuovo clima culturale nei rapporti tra abili e non, combattere ogni sorta di abuso, compresi quelli verso i nostri amici a 4 zampe, oltre a offrire un valido supporto per chi è in difficoltà; un modo concreto di essere vicino ai più deboli e bisognosi che spesso hanno difficoltà nell’essere tutelati e rappresentati.

Abbiamo il piacere di annunciare che, dal prossimo 9 giugno nel comune di Galliera Veneta, apriremo uno sportello informativo, di consulenza, supporto e aiuto che sarà operativo due venerdì al mese con orario 10 – 12, presso il municipio dove raccoglieremo le segnalazioni, le richieste di aiuto per il disbrigo di pratiche burocratiche nel rapporto con amministrazioni pubbliche (Comuni, Regione, Inps, Asl) e le principali società di servizi (Enel, Tim, etc.) e, nei casi di violazioni di normative vigenti, cercheremo di risolvere i problemi sottopostici anche con l’intervento di uno staff di tecnici e legali che operano in gratuito patrocinio. L’assistenza sarà possibile per tutti i cittadini delle località limitrofe. Il ricevimento delle persone verrà assicurato dal sig. Francesco Filippin (info  francesco.filippin@gmail.com o ailaorsatti@virgilio.it)

Ci auguriamo di essere d’aiuto ai cittadini e di avere un collaborativo rapporto con le amministrazioni locali che operano sul territorio.

Ada Orsatti
Presidente Nazionale AILA

Associazione Italiana Lotta Abusi

Campagna di tesseramento AILA

Iniziamo la campagna di tesseramento dell’Associazione Italiana Lotta Abusi by Ada Osatti;

Grazie al contributo di Tutti, possiamo realizzare grandi cose.

Ci battiamo per eliminare ogni forma di discriminazione o di non osservanza e violazione delle normative che tutelano i diritti delle persone con disabilità ed in condizione di fragilità sociale, cerchiamo di creare le condizioni affinchè la società sia sempre più inclusiva e permetta a tutti di vivere in modo pieno e il più indipendentemente possibile la propria vita, eliminando gradualmente tutte le barriere mentali ed architettoniche

Puoi sostenere l’AILA svolgendo un’attività di volontariato, ma puoi aiutarci anche versando un contributo associativo che sarà utile per proseguire tutte le attività di informazione, promozione e sostegno alle persone con disabilità od in condizione di fragilità sociale e alle loro famiglie.

SOSTIENI AILA E LA SUA ATTIVITÀ DIVENTANDO SOCIO, PER INFORMAZIONI SU COME ADERIRE

ailaorsatti@virgilio.it, ailaorsatti.it

https://www.facebook.com/viverebenenelsociale.adaorsatti/?fref=ts.

Grazie a Tutti Coloro che ci sosterranno e vorrano fare un tratto di strada insieme a Noi.

VIDEO AILA : Posteggi disabili senza contrassegno ospedale Venere

AILA : Posteggi disabili senza contrassegno ospedale Venere

Tutti i posteggi disabili presso l’ospedale di Venere occupati tutti abusivamente

Video realizzato dal Referente Territoriale AILA Bari e Provincia
Andrea Desilvio

Potete inviare le vostre segnalazioni a ailaorsatti@virgilio.it

AILA :Stop dall’Ars alle barriere architettoniche, mozione approvata all’unanimità (blogsicilia)

cimitero di rovigo e barriere architettoniche

Camminare, attraversare, andare dove si vuole. Gesti che compiamo ogni giorno meccanicamente, ma che non tutti hanno la fortuna di poter fare. Di abbattimento delle barriere architettoniche si parla ormai da decenni, ma le nostre città sono piene di ostacoli e trappole che spesso impediscono ai disabili di muoversi e condurre una vita normale.

Esiste persino una legge ad hoc, la n.41 del 1986, la quale, nei commi 21 e 22 dell’art.32 prevede l’adozione da parte di tutti i Comuni del Peba (il Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche). Ma in molte regioni e Comuni non è mai stata applicata.

In Sicilia però, la ruota per i meno fortunati potrebbe cambiare, dando senso a quel messaggio di inclusione da più parti sbandierato e mai pienamente divenuto concreto.

Vi abbiamo parlato già dell’Aila, l’Associazione italiana Lotta Abusi, di cui è presidente una donna lombarda, Ada Orsatti, non vedente ma soprattutto coraggiosa paladina dei diritti dei disabili, impegnata in tutto il territorio nazionale, insieme a numerosi referenti provinciali e collaboratori, a difesa delle persone che vivono situazioni di disagio.

Dopo aver ottenuto una vittoria per il Peba in Lombardia, l’Aila ha condotto una analoga battaglia in Sicilia.
E’ stata discussa e approvata all’unanimità dai parlamentari siciliani il 21 luglio la mozione presentata l’8 marzo dall’associazione per l’adozione del Peba in Sicilia.

L’interesse dell’associazione ha creato in Sicilia le condizioni perché la politica, in modo trasversale, ed accantonando le beghe tra i partiti che purtroppo spesso caratterizzano l’azione amministrativa, si occupasse di un problema dimenticato in gran parte del territorio nazionale.
Primo firmatario della mozione è l’onorevole Totò Lentini dell’Udc. La mozione impegna la Regione alla nomina di commissari ad acta Comuni e province ancora inadempienti sull’adozione del Peba, in quanto tutti devono allinearsi alla normativa nazionale.

La presentazione della mozione, tra l’altro, è stata contestuale ad un’ispezione parlamentare, chiesta a gran voce ancora dall’Aila, da parte dello stesso Lentini e del deputato nazionale di Ala, Saverio Romano, in merito alla fruibilità dei servizi di trasporto quali tram e metropolitana nella città di Palermo dalla quale erano emersi dati allarmanti.

“Mozione votata all’unanimità!”, non nasconde la sua gioia Ada Orsatti che aggiunge: “è bellissimo, in quanto non ci sono stati scontri o litigi tra politici, che hanno invece agito per il bene comune dei cittadini, rispecchiando il mio slogan “per vivere al meglio nel sociale””.

Come ricorda ancora Orsatti, tutti i cittadini, in presenza di barriere architettoniche, possono denunciare il proprio Comune “ma di certo non possiamo riempire le Procure…”.
Quindi in Sicilia comincerà adesso un iter che speriamo porti nel più breve tempo possibile all’abbattimento delle barriere architettoniche.

“Sono felice ed orgogliosa – conclude Orsatti – anche perché nessuna associazione, nemmeno siciliana, aveva presentato una mozione sul Peba nella vostra regione”.

 

di Veronica Femminino

(Blog Sicilia)

Comunicato AILA : riapertura del centro AIAS di Via Bernini Palermo per Mercoledi 22 Giugno

13414538_619989384830184_74586109_n

COMUNICATO AILA

A seguito degli incontri di stamane 20 giugno 2016 fra i nostri Referenti Regionale Salvatore Bravo e la referente Provinciale e Territoriale Margherita Bravo con il Direttore Sanitario Dott.ssa Loredana Curcurù dell’ASP n.6 di Palermo di Via Nicolò Cusmano è stato indetto per il pomeriggio di oggi un tavolo tecnico fra lo stesso Direttore Sanitario e alcuni funzionari dell’ASP sulla vicenda che ha riguardato la chiusura del Centro AIAS di Via Bernini. L’incontro terminato da poco ha avuto esito positivo. La stessa Dott.ssa Curcurù ha comunicato, per le vie brevi, alla nostra referente Margherita Bravo la riapertura del Centro per la giornata di Mercoledi 22 giugno c.m.. Abbiamo chiesto ed ottenuto che entro la giornata di domani avremo copia del verbale di riapertura del Centro. Io stessa ho appena finito di parlare con la Dott.ssa Curcurù la quale ha dato ampia disponibilità e si è detta pronta a collaborare con la nostra Associazione.

Continueremo a tenervi informati.

Ada Orsatti