Benvenuti

Sei il visitatore n°

contatori

Associazione fondata e presieduta da Ada Orsatti 

         

 GRUPPO 

Informa

Ada Orsatti

Presidente Nazionale AILA ONLUS ADA ORSATTI




Come contattarmi:

    


DONAZIONI

Per donazioni ad AILA - Associazione Italiana Lotta Abusi 

Per donazioni ad AILA – Associazione Italiana Lotta Abusi 


Bonifico bancario intestato a : A.i.l.a. Associazione Italiana Lotta Abusi Onlus
Iban


IT98P0843051061000000912942

Consiglio Direttivo

Ada Orsatti       Presidente

Serena Lanzoni           Vice Presidente

Filippo Capestrano       Consigliere     

Romina Magrin         Consigliere

Maria Calogera Schillaci   Consigliere

Antonella Scoca            Consigliere

Sergio Lanzoni            Consigliere

SerenaAila

Verso una piena inclusione delle persone con disabilità

#disabilità  Contributi, proposte e best practices per la piena inclusione delle persone con disabilità

La raccolta dei contributi è prevista dal 20 ottobre 2021 al 20 novembre 2021.

La Commissione Europea, il 3 marzo 2021, ha adottato la Strategia per i diritti delle persone con disabilità 2021-2030 (link al pdf in lingua italiana), per garantire la piena partecipazione delle persone con disabilità alla vita sociale, in linea con i principi della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, approvata il 13 dicembre 2006 e recepita in Italia con la Legge n. 18 del 2009. 

L’attenzione alle politiche in favore delle persone con disabilità caratterizza anche tutto il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), interessando trasversalmente differenti misure e Amministrazioni. Nel corso dell’attuazione del PNRR, l’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità è coinvolto dalle Amministrazioni competenti per monitorare che le riforme proposte (ad esempio giustizia, pubblica amministrazione, mercato del lavoro) siano adeguatamente inclusive. La missione 5 del PNRR, “Inclusione e Coesione”, prevede, poi, una riforma ad hoc, la Legge Quadro sulla disabilità la cui principale finalità è dare impulso al cosiddetto “progetto di vita personalizzato e partecipato”, uno strumento che favorisce il diritto, per le persone con disabilità, ad autodeterminarsi e a partecipare alla vita sociale.

I contributi inviati saranno oggetto di analisi e riflessione nella prossima Conferenza nazionale sulle politiche per le disabilità e potranno offrire un articolato quadro di priorità ed interventi, tesi a migliorare l’inclusione delle persone con disabilità, in linea con i principi della Convenzione ONU.

Il periodo in cui raccogliere i contributi va dal 20 ottobre 2021 al 20 novembre 2021.

I temi oggetto di consultazione 

I partecipanti alla consultazione potranno offrire il proprio contributo in relazione a una o più delle seguenti aree tematiche:

  1. Accessibilità. Per accessibilità si intende l’insieme delle caratteristiche ambientali, strutturali ed organizzative che, a prescindere dalla condizione della persona, consentono di usufruire di beni, luoghi e servizi. Il diritto all’accessibilità è strettamente connesso all’abbattimento di tutte le barriere, fisiche e non solo, che limitano o impediscono la piena inclusione delle persone con disabilità.
  2. Mobilità all’interno dell’Unione Europea. Le persone con disabilità hanno pari diritti a muoversi, risiedere liberamente e trasferirsi in un altro Paese. In tale contesto, entro la fine del 2023, la Commissione Europea proporrà una Carta europea per le disabilità per tutti i Paesi dell’UE che faciliterà il riconoscimento reciproco dello status di disabilità tra gli Stati membri.
  3. Vita indipendente. La vita indipendente è l’insieme delle misure, dei servizi e dei sostegni che favoriscono percorsi di autonomia e il diritto delle persone con disabilità di scegliere dove e con chi vivere.
  4. Percorsi formativi inclusivi. E’ necessario garantire l’inclusività nella formazione delle persone con disabilità, in modo da modernizzare e migliorare anche l’accesso e il diritto al lavoro. Il mercato del lavoro post pandemia richiede, infatti, nuove competenze e la necessità di una formazione continua e di qualità. In tal senso lo stesso PNRR prevede politiche di istruzione e formazione che siano in linea con le esigenze delle persone con disabilità e con il diritto all’inclusione scolastica.
  5. Inclusione lavorativa di qualità. La partecipazione alla vita economica è il modo migliore per garantire autonomia e inclusione sociale per le persone con disabilità, favorendone la realizzazione personale ed un percorso di vita indipendente. Saper riconoscere, nei luoghi di lavoro, il potenziale ed i talenti delle persone con disabilità, genera benefici per la persona, per l’organizzazione e per la società nel suo insieme, rafforzandone la coesione. E’, inoltre, necessario facilitare il lavoro autonomo e l’imprenditorialità anche per le persone con disabilità.
  6. Cultura, Sport e turismo accessibile. Arte e cultura, sport, attività ricreative e turismo sono essenziali per la piena partecipazione alla vita sociale. E’ necessario per il benessere della persona favorire l’inclusione nello sport a partire dai livelli territoriali e amatoriali, e investire nello sviluppo del turismo accessibile.
  7. Best Practices. In quest’ultima sezione è possibile indicare altre aree tematiche e descrivere gli interventi ritenuti necessari per migliorare l’inclusione delle persone con disabilità. E’ inoltre possibile segnalare una best practices che ha consentito l’inclusione delle persone con disabilità.

Per ciascuna area tematica, tutti coloro che intendono partecipare alla consultazione potranno rispondere pubblicamente con un contributo di massimo 2.000 caratteri (spazi inclusi) rispondendo ai seguenti quesiti guida:

  • quali sono le carenze o le criticità riscontrate rispetto ai temi proposti che si intendono evidenziare e quale miglioramenti o proposta si intende avanzare?
  • ci sono interventi normativi da adottare? Se si, quali?

Perché partecipare

Alcune delle aree tematiche elencate rappresentano gli assi portanti della Strategia europea per i diritti delle persone con disabilità 2021-2030 che ispira molte delle misure trasversali del PNRR e che troverà un quadro generale di riferimento normativo nella  riforma – Legge Quadro sulla disabilità – contenuta nel PNRR. Ogni contributo potrà fornire indicazioni e proposte per la futura Conferenza nazionale sulle politiche per le disabilità e per il Terzo programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità.

Chi può partecipare

La consultazione pubblica è aperta dal 20 ottobre 2021 per 30 giorni per permettere a chi lo desidera di fornire il proprio contributo sulle tematiche proposte, ovvero proporne di nuove segnalare best practices sul territorio. In particolare, sono invitati a prendere parte alla consultazione pubblica:

  • Persone con disabilità e le loro famiglie;
  • Rappresentanti delle associazioni delle persone con disabilità e delle loro famiglie anche a livello locale;
  • Rappresentanti di associazioni del terzo settore a livello nazionale o locale che si occupano di tematiche della disabilità ed erogano servizi sociali per le persone con disabilità e le loro famiglie;
  • Rappresentanti di enti pubblici a livello locale che si occupano di tematiche sociali e, in particolare, di politiche e servizi a sostegno delle persone con disabilità;
  • Rappresentanti del settore economico privato;
  • Tutti coloro che intendono contribuire con proposte e suggerimenti.

Quando partecipare

La consultazione pubblica si sviluppa nell’arco di 3 fasi, delle quali la prima è aperta per l’inserimento dei contributi:

  • Fase 1, dal 20 ottobre al 20 novembre, in cui è possibile inviare il proprio contributo su una o più delle aree tematiche proposte e/o best practices;
  • Fase 2, dal 21 novembre al 12 dicembre, per l’elaborazione del report;
  • Fase 3, dal 13 dicembre 2021 al 13 marzo 2022, Conferenza nazionale e relazione conclusiva trasmessa al Parlamento.

Come partecipare alla consultazione

Per partecipare alle consultazioni sulla piattaforma ParteciPa è necessario accedere con il il proprio account SPID cliccando in alto a destra su Accedi. Dopo aver effettuato l’accesso si entra nella pagina dedicata alle proposte aperte relativa a questa consultazione. Qui è possibile:

  • leggere tutti i commenti inseriti da altri utenti. Prima di proporre una nuova azione, è utile leggere le proposte precedenti, sia per impostare correttamente il proprio contributo, sia per verificare che qualcuno non abbia già proposto qualcosa di molto simile
  • contribuire con il proprio commento a migliorare le idee che sono contenute nel testo proposto

Maggiori informazioni su come iscriversi e come partecipare alle consultazioni su ParteciPa sono disponibili nella sezione Aiuto della piattaforma

La consultazione online Verso una piena inclusione delle persone con disabilità è promossa dall’Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità, struttura di cui si avvale il Ministro per le disabilità.

Per effettuare una proposta cliccate qua https://partecipa.gov.it/processes/verso-una-piena-inclusione-persone-con-disabilita/f/48/

Comunicazione e Stampa COMUNICATO STAMPA In circolazione false e-mail dell’Agenzia delle Entrate Attenzione: si tratta di una truffa

Da qualche giorno circolano in rete false e-mail, inviate da un indirizzo di posta elettronica apparentemente riconducibile dall’Agenzia delle Entrate e con la firma del direttore, in cui si invitano i destinatari a recarsi presso “la banca o un ufficio fiscale” portando con sé la stampa del file allegato. Si tratta di e-mail non inviate dall’Agenzia delle Entrate, che cercano di trarre in inganno i cittadini inoltrando file malevoli che possono danneggiare il computer o sottrarre informazioni personali. La raccomandazione dell’Agenzia, che – è il caso di ricordare – non invia mai questo tipo di comunicazioni, è di cestinare l’e-mail senza aprire alcun allegato. In caso di dubbi è possibile consultare la sezione “Focus sul phishing” disponibile sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate, dove periodicamente vengono riportati gli avvisi relativi alle ultime e-mail-truffa in circolazione. Inoltre, è sempre possibile contattare il call center al numero 800.909696 per chiedere conferma dell’effettivo invio da parte dell’Agenzia della e-mail ricevuta.

ATTENZIONE

DIFFIDIAMO chiunque ad addebitare fatti FALSI e/o intervenire in nome e per conto dell’AILA se privo di titoli o non delegato ufficialmente dall’associazione, ricordando che tali comportamenti VERGOGNOSI non verranno tollerati oltre, riservandosi di rivolgersi all’autorità giudiziaria per la tutela del buon nome, dell’immagine, degli obbiettivi dell’associazione e dei membri tutti!

Ecorun Varese

➡️

Consultate il sito per tutte le informazioni

ℹ️

www.ecorunvarese.it

Ciao amici del Parco Gioia 💚

La EcoRun Varese inizia oggi con tanti eventi➡️ Consultate il sito per tutte le informazioni ℹ️www.ecorunvarese.it

ATTENZIONE Domenica 26 settembre❗NON SAREMO AL PARCO GIOIA❗vIsto il meteo incerto CI TROVATE📍 sotto i PORTICI di VIA VOLTA (zona Inps)🕙dalle 10:00 alle 🕔 17:00VI ASPETTIAMO CON UN PICCOLO REGALO PER TUTTI I BAMBINI 🎁 CHE PASSERANNO A TROVARCI!Dalle 10:00 alle 12:00 saremo in compagnia dei Cuorieroi Per Bambini Eroi-Nazionale Italiana Dell’Amicizia Onlus-⚪ Bolle di sapone🎈Sculture di palloncini🩰Baby Dance📸 Foto con i Supereroi e le Principesse dei Cuorieroi 🦸‍♀️🦸🦸‍♂️👸🤴🧝‍♀️VI RICORDIAMO L’APPUNTAMENTO SPORTIVO!🏃🏃‍♀️🏃‍♂️🚴🚲Se siete dei runner o semplicemente per fare un bel giro per le vie chiuse e i parchi di Varese potrete partecipare alle gare competitive e non (10km FIDAL, 5 e 10km non competitiva e giro in bicicletta)https://www.ecorunvarese.it/gare.html#Percorsi❤️ Il ricavato delle iscrizioni sarà devoluto ad ASBI ODV per il completamento dei percorsi tattilo plantari del Parco Gioia progettati da AILA ONLUS – Associazione Italiana Lotta Abusi by Ada Orsatti e al Centro Gulliver VA Iscrivetevi numerosi alla corsa e ci vediamo DOMANI!PS: aiutateci a fare girare questa iniziativa condividete con i vostri amici questo post GRAZIE 💚

Appello dell’Associazione ci serve un pulmino


Albiolo
Articolo uscito ieri su La Provincia di Como
Il presidente Ada Orsatti cerca benefattori che donino ad Aila mezzi di trasporto
AAA cercasi benefattori per un pulmino nuovo
e per un’auto per Aila (Associazione italiana lotta abusi) guidata dal presidente Ada Orsatti non vedente. A fronte delle numerose richieste che riceve settimanalmente Aila si cercano benefattori
che donino un pulmino da nove posti e un’auto per i servizi sul territorio da utilizzare per le persone sole per portarle dal fare visite mediche al fare la spesa.
«Abbiamo proprio bisogno di un pulmino e di un’auto – spiega il presidente Ada Orsatti
abbiamo richieste settimanali pari a una trentina perché con l’emergenza Covid la Croce rossa e le altre associazioni sul territorio fanno fatica a seguire le richieste degli utenti in difficoltà e in tanti che sono da soli o i familiari lavorano sono costrettia chiamare un taxi, ma ovviamente con una
pensione da 280 euro come fanno?»
«Quindi – aggiunge – abbiamo pensato di lanciare un appello a chi può donarci un pulmino per portare le persone a fare delle visite a Milano e anche a un’auto di servizio per fare la spesa a chi non ha
nessuno piuttosto che per chi deve andare all’Ufficio postale e così via – precisa –
oppure chi vuole e può aiutarci in questo progetto può fare una donazione direttamente a Aila».

«Speriamo di riuscire nel nostro obiettivo
Spiega Orsatti – per aiutare le persone in difficoltà e sono sempre più convinta che tutti insieme si può».
Per maggiori informazioni
e per donazioni inviare una e-mail ailaorsatti@virgilio.it oppure collegarsi al sito in-
ternet www.ailaorsatti.it
L. Tar. 

Intervista a Luca Tocchetti – Referente Territoriale Aila Lecco

In data 06 05 2021, mi è pervenuta la richiesta dalla direzione regionale dell’agenzia entrate della Lombardia per un’intervista, a seguito di un piano di lavoro che, ho ideato negli ultimi 3 mesi, con l’ausilio ed appoggio dei colleghi: dott.  Marino Demetrio e dott.sa  Larusso Antonietta, non chè dell’approvazione in sede di direzione del direttore provinciale di Lecco, dot. Valente Stefano. Io, ho accettato questa intervista, che in data odierna ha prodotto un articolo pubblicato sulle pagine interne di intrenet, dell’agenzia entrate italiana. La dott.sa Ogliari Sonia è stata colei che mi ha intervistato.  Ciò è accaduto a seguito di una segnalazione pervenuta alla direzione regionale di tale piano di lavoro. La stessa ha ritenuto, conseguentemente  di produrre un’articolo. Così, si sono svolti i fatti in ordine cronologico.

Luca Tocchetti

Ci possono essere delle svolte anche dopo così tanti anni
Scritto da Sonia Ogliari 14/05/2021
La storia di Luca, collega di Lecco
Negli ultimi tempi il nostro modo di lavorare, complice o per colpa della pandemia, si è
completamente trasformato, un po’ per tutti.
Ma oggi vi vogliamo raccontare una storia “speciale”, un po’ fuori dal coro, che
riguarda il nostro collega di Lecco, Luca. Una storia particolare perché Luca è non
vedente e in seguito alla pandemia, come molti di noi, si è ritrovato dall’oggi al
domani a casa, ma con delle complessità specifiche da affrontare . Questo tempo lo
ha aiutato a ritrovare nuove energie e, anche grazie al supporto di molti colleghi, è
riuscito a rimettersi in gioco, nonostante sia da 28 anni nell’Amministrazione
finanziaria. Periodo lungo e comunque caratterizzato da non poche difficoltà.
Ma cosa è cambiato in questi mesi?
Luca, sperando di poter aiutare altri funzionari nella sua situazione, racconta di come sia
stato importante per lui aver maturato la consapevolezza di avere delle potenzialità. La
digitalizzazione prima e il Covid poi hanno messo in crisi il modello tradizionale
dell’attività del centralinista, che Luca svolgeva da sempre. La risposta più immediata
poteva essere quella di demotivarsi e, invece, Luca ha sfruttato questo tempo proprio
per reinventarsi e reinventare un lavoro più adatto ai tempi e alle necessità degli altri
colleghi.
Così ha proposto al suo Direttore un piano di lavoro che prevedesse un suo ruolo più
specifico, non solo nello smistare le chiamate che arrivavano al centralino, ma nello
svolgere un vero e proprio supporto agli altri.
Grazie a Demetrio e Antonietta, due colleghi dello staff, e tutto il personale del Front
Office, sta acquisendo competenze anche tecniche che lo aiutano a intercettare le
richieste specifiche dei contribuenti per poi elaborare una scheda dettagliata sulla
richiesta da smistare all’ufficio competente. “In questo modo” dice Luca “i colleghi​
hanno già tutti gli elementi per fornire l’assistenza specifica richiesta. Chiedo poi
sempre un feedback sul mio lavoro così da poter affinare la tecnica”. E non è solo
questo, “grazie alla formazione potrò spero tra non molto anche io fornire un’assistenza
su temi specifici; lo Staff mi ha anche spronato a raccogliere le casistiche più frequenti
di richieste di assistenza così da poter valutare ambiti più problematici e pianificare
misure di intervento.”
E Luca va anche oltre sottolineando come i non vedenti possono dare un supporto
spesso più profondo e concreto , basti pensare ai Tribunali dove un non vedente
potrebbe essere impiegato nei banchi di regia che gestiscono le registrazioni: “Io sono
un fonico per passione e so benissimo quanto il nostro orecchio sia fine e una volta
appreso dove sono i tasti il gioco è fatto”.
In chiusura Luca ci tiene a dire che “tutto ciò è stato possibile grazie al confronto e al
supporto dei colleghi che hanno creduto in me, come Demetrio e Antonietta, e del
Direttore provinciale Stefano, che mi ha spronato, e che continuano a stimolarmi
affinché intraprenda nuove strade ed integrarmi sempre di più come un elemento
fondamentale della DP. Ci tengo anche a ringraziare i miei genitori che mi hanno
cresciuto così tenace”. Inoltre Luca sottolinea le opportunità di collaborazione con
l’Aila, l’associazione di cui è referente per la provincia di Lecco, anche per organizzare
dei corsi per non vedenti.
Gli insegnamenti che possiamo tirare fuori da questa storia sono tanti… la chiacchierata
con Luca per me è stata una sferzata di energia nel riconoscere che cosa può venire fuori
dalle difficoltà (e poi valutiamo quali sono le difficoltà vere), quanto può contare la
squadra giusta, ma, soprattutto, quanta dignità e passione Luca mette nelle cose che fa
senza risparmiarsi
Sonia Ogliari
Negli ultimi tempi il nostro modo di lavorare, complice o per colpa della pandemia, si è
completamente trasformato, un po’ per tutti.
Ma oggi vi vogliamo raccontare una storia “speciale”, un po’ fuori dal coro, che
riguarda il nostro collega di Lecco, Luca. Una storia particolare perché Luca è non
vedente e in seguito alla pandemia, come molti di noi, si è ritrovato dall’oggi al domani
a casa, ma con delle complessità specifiche da affrontare. Questo tempo lo ha aiutato a
ritrovare nuove energie e, anche grazie al supporto di molti colleghi, è riuscito a
rimettersi in gioco, nonostante sia da 28 anni nell’Amministrazione finanziaria. Periodo
lungo e comunque caratterizzato da non poche difficoltà.
Ma cosa è cambiato in questi mesi?
Luca, sperando di poter aiutare altri funzionari nella sua situazione, racconta di come sia
stato importante per lui aver maturato la consapevolezza di avere delle potenzialità. La
digitalizzazione prima e il Covid poi hanno messo in crisi il modello tradizionale
dell’attività del centralinista, che Luca svolgeva da sempre. La risposta più immediata
poteva essere quella di demotivarsi e, invece, Luca ha sfruttato questo tempo proprio
per reinventarsi e reinventare un lavoro più adatto ai tempi e alle necessità degli altri
colleghi.​

Bonus luce e gas – Scarica i moduli

Il Bonus sociale è stato introdotto dal Governo nel 2020 in collaborazione con i Comuni ed Arera (Autorità di Regolazione Energia Reti ed Ambiente); è un aiuto destinato alle famiglie in difficoltà e/o numerose, per riconoscere loro uno sconto sulle bollette di luce, gas e acqua. Possono usufruire dello sconto su bollette di luce, gas e acqua, le famiglie numerose e/o quelle che vivono in una condizione di disagio economico o fisico/sociale.

Hanno diritto al bonus tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura che:

• appartengono ad un nucleo familiare con indicatore Isee non superiore a 8.265 euro;

• appartengono ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore Isee non superiore a 20.000 euro;

• fanno parte di un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza. I titolari di reddito di cittadinanza hanno poi diritto al bonus luce e gas anche se l’Isee supera gli 8.265 euro, mentre possono chiedere lo sconto nella bolletta dell’acqua solo se l’Isee si colloca entro la soglia di 8.265 euro;

• sono intestatari di un contratto attivo di fornitura elettrica e/o gas e/o idrica con tariffa per usi domestici oppure usufruiscono di una fornitura condominiale attiva gas e/o idrica. L’importo del bonus viene scontato direttamente sulla bolletta suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda. Ogni bolletta riporta una parte del bonus proporzionale al periodo cui la bolletta fa riferimento. Per accedere al bonus sociale, dal 1° gennaio 2021 gli interessati devono solo presentare ai Comuni o ad i CAF, la dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) per ottenere l’attestazione Isee utile per le differenti prestazioni sociali agevolate. Una volta verificato il possesso dei requisiti, l’Inps invierà i dati al Sistema informativo integrato che li incrocerà con quelli relativi alle forniture di elettricità, gas e acqua, permettendo di erogare automaticamente i bonus. Possono inoltre ottenere il bonus tutti i clienti domestici affetti da grave malattia o i clienti domestici con fornitura elettrica presso i quali viva un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita. L’elenco delle apparecchiature elettromedicali salvavita che danno diritto al bonus sono state individuate dal Decreto del Ministero della Salute del 13 gennaio 2011. Il bonus per disagio fisico è cumulabile con quello per disagio economico (sia elettrico che gas) qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità. Ogni ulteriore modulo o approfondimento al seguente link:

Bonus elettrico: https://www.arera.it/it/bonus_sociale.htm

Bonus Gas: https://www.arera.it/it/bonus_gas.htm

Bonus Acqua: https://www.arera.it/it/consumatori/idr/bonusidr.htm

Modifiche al Modulo A e al Modulo RS di cui alla determinazione 12/DACU/2018 e s.m.i

Modulo A

Modulo RS

Modulo B